Libris Pasco ut Prosim

Inaugurata presso il Museo Diocesano in Vico Duomo a Iglesias la mostra “Libris Pasco ut Prosim“, introdotta ai numerosi ospiti dalla Direttrice della Biblioteca e dell’Archivio Storico Diocesani, Licia Meloni.

13043642_10209628145246455_3698497562018610448_n

La Mostra è occasione per osservare da vicino quattordici delle novantadue Cinquecentine della Biblioteca Diocesana – opere librarie risalenti approssimativamente al 1500, realizzate con la tecnica della stampa a caratteri mobili – e nel contempo compiere un viaggio nella storia della diffusione della cultura, a mezzo della diffusione del libro.

Un viaggio agli albori dell’editoria, quando gli editori erano nel contempo tipografi, editor e librai, oltre che dotti e umanisti. Opere di diversi formati, decorati da incisioni xilografiche – più raramente calcografiche – provenienti dalla stamperia Manuzio di Venezia, forse la più celebre (marca: un’ancora con un delfino), Sessa (marca: un gatto in varie pose con un topo in bocca), Scoto (le Grazie), DeFranceschi, Giunta, Grifio. Oltre alle marche tipografiche – loghi delle antiche stamperie – si possono ammirare frontespizi e pagine scelte, privilegi (un’anticipazione del nostro diritto d’autore), note di possesso, glosse a margine.

Come illustrato dalla dottoressa Cecilia Melis, in Sardegna fu l’avvento dei Gesuiti a produrre un cambiamento culturale epocale, laddove, ancora nel XVI secolo, perfino i membri del clero erano ancora scarsamente scolarizzati.

I Gesuiti fondarono due collegi, uno a Sassari e uno a Cagliari, che nel ‘600 divennero Università.

 

Ampio spazio è naturalmente dedicato all’interno della Mostra alla figura di Niccolò Canelles, primo editore sardo, nato a Iglesias, che divise la sua vita tra Cagliari e Roma, e che, dopo una carriera da stampatore itinerante, decise di creare la prima stamperia fissa.

La sua marca era un’ape posata su un fiore. Suo anche il motto: “Pasco ut Prosim”, che non a caso è stato scelto come titolo dell’esposizione.

canelles.png

La Mostra resterà aperta per tutti e quattro i giorni della Fiera del Libro (22-25 aprile) e rivolgerà ai più piccoli laboratori didattici curati dal personale del Museo, che si terranno presso l’Auditorium del Palazzo Vescovile in Piazza Municipio.

Per informazioni:  0781 252231

12718195_10209620340251335_3455366515988338987_n

e.c.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...